Cucina del mondo

Ricette tipiche russe: facili, veloci, nutrienti

a cura di:
Redazione In Salute

Le ricette tipiche russe: facili, veloci, nutrienti

La Russia è un luogo che si può descrivere con grandi numeri e forti contrasti. È il Paese più vasto del pianeta: occupa 2 continenti (Europa e Asia) e ha ben 9 fusi orari. Si passa da aree metropolitane assai popolate a distese selvagge e disabitate, da inverni lunghi e gelidi a estati brevi e calde. E anche la tradizione culinaria segue questo gioco di contrapposizioni.

Le nostre ricette russe sono studiate apposta per te: con 1 compressa di Lactease potrai gustare tutte le portate!

Da una parte troviamo la tradizione popolare. Con i suoi piatti semplici e poveri, a base di zuppe con ortaggi resistenti al freddo (come cavolo e patate) seguiti da secondi principalmente con carni e pesci essiccati o affumicati. Dall’altra, la cucina risalente al periodo degli zar. Raffinatissima, presentata con decorazioni sontuose, preziose argenterie; fortemente ispirata alla cucina francese dell’epoca, utilizzava alimenti ricchi per realizzare pranzi elaborati, dove abbondavano salse di accompagnamento e dessert spettacolari.

La cucina tradizionale russa: perfetta per l’inverno

Oggi, ristoranti che propongono piatti di ogni parte del mondo e, naturalmente, i fast-food sono arrivati anche qui. Le abitudini alimentari, sono dunque molto cambiate dai tempi in cui il Paese era conosciuto come Unione Sovietica ed era completamente isolato dal resto del mondo. Tuttavia, la tradizione culinaria della grande ‘Madre Russia’ resiste ancora.
Le ricette russe più famose, anche quelle che ti proponiamo, si basano dunque su ingredienti che rispondono a 2 requisiti fondamentali:

  1. Essere disponibili sul territorio nazionale: un tempo, gli scambi commerciali con l’estero erano un’eccezione
  2. Avere un alto potere nutritivo: per affrontare lunghi mesi di clima rigido, per non dire gelido, era necessaria una buona scorta di ‘carburante’

<Il menu tipico scelto da Lactease

La cucina Russa non è tra le più popolari in Italia, ma si avvia ad essere scoperta e apprezzata sempre più. La comunità di persone provenienti da questo grande paese è infatti molto ampia e il numero di ristoranti russi, alcuni di ottimo livello, sta aumentando. Ecco dunque 3 ricette molto caratteristiche. Pur essendo ricche e sostanziose, potrai permetterti di gustare tutte le portate: con 1 sola compressa di Lactease non avrai problemi a digerire il lattosio presente nel menu!

Antipasto: BLINIS AL SALMONE E CAVIALE

I Blinis sono piccole crespelle delicate che fanno da base a un top dai sapori tipicamente russi: salmone affumicato e caviale. Semplice, elegante e appetitoso, il piatto è ormai entrato nei menu di molti ristoranti internazionali di qualità.
Ingredienti (per circa 15 Blinis): 80 g di farina, 50 ml di panna fresca, 100 ml di latte intero, 1 uovo, 5 g di lievito per torte salate, 1 pizzico di sale, pepe q.b., 100 g di panna acida, aneto fresco, 200 g di salmone affumicato, 2 cucchiai di caviale rosso o nero, una noce di burro.
Preparazione: separa il tuorlo dall’albume, mettilo in una ciotola e, sbattendolo con una frusta, aggiungi prima il latte e la panna, poi la farina e il lievito. Amalgama bene, quindi lascia riposare per un’ora circa. Monta a neve l’albume (che dovrà essere freddo) aggiungendo il sale, quindi uniscilo alla ciotola con il composto a base di tuorlo, incorporandolo delicatamente con un movimento dal basso verso l’alto. In una padella calda e unta con poco burro, versa un cucchiaio di impasto per formare un disco di circa 8 cm di diametro e fai cuocere da entrambi i lati; procedi così sino ad esaurimento del composto. Disponi 3 blinis su ogni piatto e guarnisci con la panna acida (che avrai preventivamente mescolato con poco aneto tritato e pepe), una fettina di salmone e un po’ di caviale (o uova di lompo, per una ricetta più economica). Decora con ciuffetti di aneto.

Piatto principale: MANZO (FILETTO) ALLA STROGANOFF

Carne, verdure, panna e vodka: la quintessenza della cucina russa è rappresentata in questa ricetta. Che può essere un’idea per un sostanzioso piatto unico, anche per l’inverno alle nostre latitudini.
Ingredienti (per 4 persone): 1 kg di polpa di manzo (o filetto), 500 g di cipolle, 500 g di champignon, 50 g di passata di pomodori, 30 g di burro, 100 g di panna acida, olio extra vergine di oliva, prezzemolo tritato, sale – pepe e farina q.b., 40 ml di vodka di buona qualità.
Preparazione: su un tagliere, taglia finemente la cipolla e falla appassire in una casseruola, insieme ad un po’ di burro, aggiungendo acqua quando necessario. Affetta i funghi e uniscili alla cipolla ed al prezzemolo, quindi continua a cuocere per circa 15 minuti e aggiusta il sapore con sale e pepe. Taglia la carne a strisce lunghe 4/5 cm, cospargile di farina e falle rosolare a fuoco vivace in una padella con poco olio e il burro restante. Quando cominceranno ad essere colorite, innaffiale con vodka e prosegui la cottura; aggiungi sale e pepe. Ora passa alla combinazione di tutti gli ingredienti: unisci le verdure alla carne e completa con la panna acida e il pomodoro. Prosegui la cottura a fuoco basso per un paio di minuti, mescolando. Servi ben caldo.

Dessert: TORTA VATRUSHKA

A base di ricotta, è decisamente calorica e con molto zucchero: non a caso, i russi preferiscono consumare i dolci in altri momenti della giornata. Il pasto termina infatti spesso con un tè, magari scaldato in un Samovar tradizionale.
Ingredienti (per 8 persone): 500 g di ricotta, 350 g di farina, 130 g di burro, 200 g di zucchero semolato, 300 g di zucchero a velo, 4 uova, 200 g di canditi misti a cubetti, mezzo bicchiere di rum, 1 bustina di vanillina, un pizzico di sale, frutti di bosco per guarnire.
Preparazione: metti i canditi in una ciotola e irrorali di rum. Prepara una pasta lavorando in una terrina 3 tuorli con lo zucchero semolato, fino ad ottenere una crema liscia. Unisci quindi il burro e gli albumi montati a neve (devono essere freddi e devi aggiungere un pizzico di sale). Versa a pioggia la farina, continuando a mescolare. Forma una palla, avvolgila in un canovaccio di cotone e fallo riposare per almeno un’ora e mezza. Quindi rivesti con la pasta una teglia imburrata (diametro 24 cm), bucherellando il fondo e tagliando la pasta in eccesso. Inforna per circa 15 minuti in forno già caldo. Togli dal forno e versa sulla base della torta la crema, che avrai preparato mescolando ricotta, zucchero a velo, canditi, il restante uovo ben sbattuto e la vanillina. Stendi bene la crema e coprila con una sfoglia che otterrai dalla pasta avanzata. Completa la cottura in forno preriscaldato a 200 gradi, per 40 minuti. Lascia raffreddare la torta e guarnisci con i frutti di bosco freschi.

I consigli della nutrizionista

Pur gustosissima e fondamentalmente completa, la cucina russa è però molto ricca di condimenti animali, panna e burro in primis. Oggi anche nella madrepatria – ad eccezione di alcune zone rurali ed isolate in cui restano radicate le antiche tradizioni – le abitudini alimentari si stanno generalmente adeguando a uno stile di vita più internazionale. E quindi più leggero. Il menu qui suggerito è goloso ma anche molto calorico: se il pranzo sarà così ricco, cerca di limitarti a un leggero spuntino serale: un’insalata e una macedonia saranno perfette.

Ti è piaciuto il nostro primo viaggio alla scoperta delle cucine del mondo?

Torneremo presto per farti conoscere la tradizione culinaria di un altro paese, con ricette veloci da replicare a casa e con informazioni sul loro contenuto in lattosio e suoi valori nutrizionali. Buon appetito!

Gli articoli più letti
Gli articoli più recenti