Lo sapevi?

Lattosio nei farmaci: quali sono gli effetti collaterali

a cura di:
Redazione In Salute

Chi è intollerante al lattosio lo sa bene: il famigerato zucchero del latte può nascondersi ovunque e saltare fuori quando meno uno se lo aspetta.

Sapevi ad esempio che il lattosio si può trovare in alcuni farmaci? Si, hai letto bene: alcuni farmaci, specialmente quelli in forma di compressa, possono contenere lattosio come eccipiente. Lo sappiamo cosa stai pensando: le case farmaceutiche odiano gli intolleranti al lattosio. Non è così. Il lattosio, come gli altri eccipienti, serve a rendere il farmaco facilmente somministrabile, nelle giuste dosi.

null

Principio attivo ed eccipiente: una differenza fondamentale

Ogni farmaco è composto da diverse componenti: il principio attivo ed eccipienti. Solamente il primo ha un effetto farmacologico. Gli eccipienti sono inattivi, cioè innocui e hanno funzioni tecniche.

Gli eccipienti utilizzati nelle forme farmaceutiche sono numerosi. Ognuno svolge una funzione particolare. A seconda della funzione che svolgono, gli eccipienti si dividono in diverse categorie. Eccone una lista parziale:

  • diluenti
  • assorbenti
  • lubrificanti
  • leganti

Il lattosio è uno degli eccipienti più utilizzati. Si utilizza principalmente come legante. Molto spesso si trova nelle pillole anticoncezionali e negli antibiotici. Il lattosio è molto utilizzato perché ha le seguenti proprietà:

  • gusto abbastanza leggero
  • eccellente comprimibilità
  • basso costo
  • resistenza all’umidità

Lattosio nei farmaci: effetti collaterali per chi è intollerante al lattosio

Ma adesso veniamo alla parte che interessa di più i nostri lettori: quali sono gli effetti collaterali del lattosio nei farmaci? Dipende. Le quantità di lattosio utilizzate sono in genere molto piccole. Nella maggior parte dei casi non dovrebbero provocare i sintomi dell’intolleranza. Ci sono però alcune eccezioni.

Compresse | Lattosio monoidrato | Intolleranza al lattosio

Le piccole quantità di lattosio usato come eccipiente potrebbero provocare i sintomi in coloro i quali hanno livelli di intolleranza molto alti. Nei casi di intolleranza congenita, ad esempio, l’enzima lattasi può essere del tutto assente. Anche poco lattosio può quindi provocare i sintomi associabili all’intolleranza al lattosio. Inoltre a volte si è costretti ad assumere diversi farmaci. Se tutti contengono lattosio come eccipiente, le dosi possono alzarsi. Le quantità di ogni farmaco possono sommarsi sebbene, prese singolarmente, siano molto piccole.

Se soffri di intolleranza al lattosio ma sei costretto ad assumere farmaci puoi seguire questi accorgimenti per evitare spiacevoli inconvenienti:

  • Leggi sempre la composizione del farmaco. Di solito si trova sulla confezione. Le case farmaceutiche hanno l’obbligo di indicare chiaramente la formulazione del farmaco, indicando sia quale principio attivo contiene sia quali eccipienti sono stati utilizzati. Il lattosio può essere riportato come lattosio monoidrato, lattosio anidro, lattosio idrato, lattosio spray-dried etc. Sono tutti nomi per indicare diversi modi di trattare la molecola del lattosio, ma la sostanza è sempre la stessa.
  • Chiedi al tuo medico di assicurarsi che i farmaci che ti prescrive siano senza lattosio. In questo modo eviterai qualsiasi inconveniente!
Gli articoli più letti
Gli articoli più recenti