Intolleranza

Lattosio: allergia o intolleranza? Spieghiamo la differenza

a cura di:
Redazione In Salute

A giudicare dai messaggi che riceviamo, c’è molta confusione sull'argomento: molti dei nostri visitatori confondono allergia alle proteine del latte e intolleranza al lattosio. La confusione probabilmente deriva dal fatto che entrambi i disturbi sono legati ad alcune sostanze contenute nel latte.

Alcuni infatti richiedono informazioni sull’allergia al lattosio, altri invece sull’intolleranza al latte. Tuttavia entrambe queste denominazioni sono sbagliate e, spesso, ci chiediamo se la richiesta di informazione riguardi l’allergia al latte (o alle proteine del latte) o l’intolleranza al lattosio. Non si tratta solo di un problema terminologico: allergia alle proteine del latte e intolleranza al lattosio hanno cause diverse, sviluppi diversi e coinvolgono parti diverse del nostro organismo. E, quindi, le risposte che possiamo fornire sono totalmente diverse.

Allergia al latte o intolleranza al lattosio? Ecco la verità!

L’allergia alle proteine del latte rientra appunto tra le “allergie”, quindi coinvolge il sistema immunitario. L’intolleranza al lattosio rientra invece tra le “intolleranze”, ovvero tra i disturbi causati dalla carenza o insufficienza di una sostanza chimica necessaria a metabolizzare correttamente un nutriente.

In quest’articolo spieghiamo quali sono le differenze fra allergia alle proteine del latte e intolleranza al lattosio e quali possono essere i possibili rimedi.

Allergia al latte: quando il corpo ha una reazione eccessiva

L’allergia alle proteine del latte è una delle allergie alimentari più comuni. Colpisce soprattutto i bambini fino a tre anni, con un picco di incidenza nei bambini di 3-5 mesi. Si calcola che questo tipo di allergia colpisca tra il 2% e il 3% dei bambini. L’80% dei bambini che sviluppano un’allergia alle proteine del latte, ha buone probabilità di superarla con lo sviluppo1.

Responsabili di questa allergia sono le principali proteine del latte: caseina, alfa-lattoalbumina e beta-lattoglobulina. Quando un soggetto allergico a queste proteine ne ingerisce una quantità anche piccola, il sistema immunitario le percepisce subito come dei nemici e quindi scatena una reazione per eliminare questa sostanza percepita come nociva. Questa reazione può essere molto violenta, e, nei casi più gravi, può portare anche a uno shock anafilattico.

Le cause di questa allergia sono sia genetiche che ambientali. Questo significa che in alcuni casi, anche se si è geneticamente predisposti allo sviluppo di un’allergia, una reazione allergica si scatena dopo una prolungata o ripetuta esposizione alla sostanza che provoca l’allergia.

Chi è allergico al latte deve rinunciarvi in qualsiasi forma

Rimedi

Chi è allergico alle proteine del latte non ha molta scelta. Spesso l’unica cura, se così la si può chiamare, consiste nel rinunciare del tutto al latte e ai latticini. Ovunque infatti ci sia latte, sono presenti anche le sue proteine e c'è quindi il rischio di una reazione allergica. Come accade per il lattosio, molti alimenti possono contenere latte e devono essere evitati. Barrette di cioccolato, merendine e altri dolci, potrebbero contenere latte. A differenza dell’intolleranza al lattosio, nel caso dell’allergia, anche piccole quantità possono causare una reazione allergica grave. Ecco perché su alcuni prodotti si può trovare la dicitura “può contenere tracce di latte”. Significa semplicemente che nello stabilimento in cui il prodotto è stato realizzato si utilizza il latte, magari per altri prodotti e questo potrebbe avere contaminato il prodotto del quale stiamo leggendo l’etichetta.

Formaggi: chi è intollerante al lattosio molto spesso li può consumare

Intolleranza al lattosio: quando mancano gli enzimi

Come ormai sappiamo bene, l’intolleranza al lattosio coinvolge l’intestino. Questo disturbo colpisce milioni di persone, in percentuali differenti in base alle diverse regioni geografiche. Spesso insorge con l’età adulta, ed è destinato a peggiorare con l’età.

L’intolleranza è causata dalla mancanza di un enzima, la lattasi. Questo enzima è prodotto nell’intestino tenue e ha il compito di scindere il lattosio in due zuccheri semplici, glucosio e galattosio. Questi zuccheri semplici sono facilmente assimilabili dall’organismo. Se la lattasi è mancante o insufficiente, il lattosio non viene digerito. Esso quindi raggiunge il colon, dove viene attaccato dai batteri locali. Durante questo processo si liberano gas come idrogeno, anidride carbonica e metano, responsabili dei sintomi dell’intolleranza al lattosio.

Chi è intollerante al lattosio è in grado di consumare alcuni derivati dal latte, come ad esempio lo yogurt o il kefir, molti formaggi stagionati e alcuni formaggi freschi. Anche se ingerisce piccole quantità di lattosio, inoltre, può non manifestare i sintomi dell’intolleranza al lattosio.

Rimedi

L’intolleranza al lattosio, come abbiamo detto, è dovuta alla mancanza o alla carenza dell’enzima lattasi. Grazie alla tecnologia farmaceutica, la lattasi può essere integrata per via orale, e sopperire così alla carenza che causa i sintomi dell’intolleranza al lattosio. Gli integratori alimentari di lattasi Lactease e Lactease Junior svolgono appunto questo compito: ti forniscono la lattasi necessaria e ti aiutano a digerire il lattosio presente nei pasti.

Intolleranza al lattosio: il mal di pancia è uno dei sintomi tipici

Allergia o intolleranza: ecco la tabella riassuntiva

Come ormai dovrebbe essere chiaro, allergia e intolleranza sono due fenomeni molto diversi. In questa tabella riassuntiva abbiamo messo i due disturbi uno di fronte all’altro:

Allergia alle proteine del latteIntolleranza al lattosio
È causata dalla risposta del sistema immunitario È causata dalla difficoltà dell’organismo a metabolizzare uno zucchero
Il nutriente colpevole sono le proteine del latte Il nutriente che la causa è uno zucchero, il lattosio
Le cause sono genetiche ma anche ambientali Le cause sono principalmente genetiche (intolleranza al lattosio primaria) o temporanee, dovute ad esempio ad altri disturbi gastro-intestinali (intolleranza al lattosio secondaria)
Piccole quantità possono portare a reazioni gravi Piccole quantità possono essere tollerate
Chi è allergico alle proteine del latte deve eliminare dalla dieta ogni tipo di alimento che le contiene Chi è intollerante al lattosio può consumare molti tipi di formaggi e altri alimenti a base di latte
L’allergia alle proteine del latte non ha rimedi se non le restrizioni alimentari I sintomi legati all’intolleranza al lattosio possono essere prevenuti con integratori alimentari di lattasi.

1Arne Høst, Frequency of cow's milk allergy in childhood, In Annals of Allergy, Asthma & Immunology, Volume 89, Issue 6, Supplement, 2002, Pages 33-37, ISSN 1081-1206, https://doi.org/10.1016/S1081-1206(10)62120-5.

Gli articoli più letti
Gli articoli più recenti