Nutrizione

Dieta NoFodmap: elimina la pancia gonfia e torna in forma

a cura di:
Redazione In Salute

Dire addio alla pancia gonfia: è il primo desiderio di chi si prepara alla prova costume. Per i 12 milioni di italiani che si scontrano quotidianamente con questa condizione, fastidiosa e antiestetica, ora esiste un rimedio. Parliamo della dieta che elimina i cibi che, fermentando eccessivamente, mettono in crisi l’intestino. Si tratta dei cosiddetti FODMAP (Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides and Polyols): sono loro “il nemico” di una buona digestione e di una linea perfetta. Il regime alimentare privo di cibi FODMAP è stato sottoposto a uno studio scientifico – condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università La Sapienza – che ha dimostrato come una dieta personalizzata che limiti al massimo questi alimenti porti a un 40% in meno di giorni di pancia gonfia dopo un mese.

Cosa scegliere e cosa scartare

Ma quali sono gli alimenti più adatti per chi vuole evitare i gonfiori addominali?

Secondo gli esperti sono da privilegiare:

  • farro e prodotti senza glutine tra i cereali;
  • formaggi duri e stagionati, rispetto a quelli freschi, più ricchi di lattosio;
  • frutta e in particolare banana, mirtillo, pompelmo, kiwi, mandarino, limone, arancia, uva, lampone, fragola;
  • tra la verdura in particolare sedano, peperoni, melanzane, lattuga, fagiolini e zucca;
  • come dolcificanti saccarosio, glucosio, sciroppo d’acero.

Tendono invece a provocare maggiore fermentazione, e quindi sono sconsigliati:

  • frumento e segale (attenzione quindi a pane, pasta, couscous, crackers, biscotti);
  • tra la frutta: mele, pere, albicocche, ciliegie, pesche, mango, anguria, cachi, susine, prugne;
  • tra le verdure: carciofi, asparagi, barbabietole, cavolini di Bruxelles, broccoli, cavolo, cavolfiore, finocchio, aglio, scalogno, funghi, piselli;
  • tra i legumi: ceci, lenticchie, fagioli, fave;
  • tra i dolcificanti: miele, fruttosio e sciroppo di mais, sorbitolo, mannitolo, xilitolo;
  • latte e formaggi morbidi e freschi;

Anche latte e derivati figurano nell’elenco dei cibi FODMAP: contengono infatti il lattosio, uno zucchero che può provocare gonfiore e disturbi in molte persone che faticano a digerirlo a causa dell’intolleranza al lattosio.

Limitare il consumo dei prodotti latto-caseari però può essere particolarmente gravoso. Questi cibi, nutrienti e rinfrescanti, sono da sempre molto apprezzati durante l’estate. In spiaggia non è facile fare a meno per esempio, della caprese con mozzarella di bufala, per non parlare del gelato!

Ma, golosità a parte, privarsi di questi alimenti può causare carenze nutrizionali e quindi rendere l’organismo potenziale bersaglio di disturbi più o meno severi.

Gli articoli più letti
Gli articoli più recenti